dermatologia-estetica

Il Dermatologo è l’unica figura medica che per formazione universitaria conoscendo l’anatomia, la fisiologia e la patologia cutanea può trattare con grande competenza gli inestetismi del volto, collo, mani.

I trattamenti estetici in Dermatologia si suddividono in non invasivi e invasi.

I primi richiedono l’utilizzo di tecniche e procedure “superficiali” in quanto agiscono a livello dello strato esterno cutaneo, l’epidermide. Tra questi ricordo i peeling che comunemente vengono eseguiti per favorire il turn over cellulare dello strato corneo che hanno un effetto levigante, luminoso e di miglioramento in generale della tessitura cutanea (texture). Proprio per questo motivo sono indicati sia nell’acne comedonica, ma anche per il trattamento delle fini rughe superficiali e più in generale come trattamento anti-età.

Sempre come trattamento non invasivo fini estetici può essere usata la fotodinamica, ma anche la luce pulsata, la prima essenzialmente per stimolare la sintesi di nuovo collagene ed elastina quindi aumentare il turgore e la compattezza cutanea e la seconda oltre ad avere anch’essa un’azione di stimolo a livello del derma, agisce a livello dell’epidermide per eliminare le macchie e aumentarne la levigatezza.

Mentre per quanto riguarda i trattamenti invasivi si ricorre alle tecniche invasive che sempre più stanno diventando micro-invasive in modo tale da essere il meno traumatiche possibili e quindi sempre più confortevoli e che variano dalla biostimolazione, alla biorivitalizzazione ai filler.

In tutti i casi si utilizzano principi attivi naturali quali acido ialuronico a concentrazione variabile e cross-linkaggio variabile, vitamine e anti-ossidanti per stimolare direttamente in derma nei punti in cui è necessario intervenire.